MENSILE DI OPINIONE - POLITICA DI COSTUME - ATTUALITA' - CULTURA -TURISMO - ARTE - MODA
fondata nel 1865.

Direttore responsabile
ITALO CARLO SESTI

 

Dalla rivista n. 12 Dicembre 2000 (pag. 30)

 UN NUMERO ESEMPLARE 
DI SCENA ILLUSTRATA

di Antonio Brancaforte 

Se ci fosse (come c'era fino a mezzo secolo fa, perché ancora ci poteva essere) la Rivista delle riviste, destinata a dare giudizi di seconda istanza sulle riviste, si potrebbe proporre l'assegnazione di un premio speciale al numero 6-7 (giugno-luglio 2000), di SCENA ILLUSTRATA. Una rivista che, grazie alla tecnica del Direttore Italo Carlo Sesti, vive il suo 136° anno di vita, continuando a farsi apprezzare per la qualità dei suoi articoli.
Le prime 16 pagine di questo numero sono dedicate alla commemorazione di Giuseppe Verdi nel primo centenario della sua morte, avvenuta nel 1901.
Commemorazione che consiste nella rivisitazione di documenti storiografici precedenti con aggiunta di nuovi: materiale utile alla incentivazione di ulteriori contributi per il 2001.
Strategica pure la riedizione di un articolo di Adriano Tilgher su Leopardi. Come a sottolineare che l'attuale insistenza dei critici sulla stretta correlazione dell'impegno poetico leopardiano con quello filosofico non è in fondo che una più convinta e convincente ... riscoperta. Se il Tilgher già a suo tempo ne discorreva così lucidamente.
Ma allora Scena Illustrata è troppo carica di passato per sapere di attualità?
A dissipare anche il sospetto provvede a p. 19 Luigi Di Franco con un articolo particolarmente scottante: La protesta dei docenti di religione dinnanzi al Senato della Repubblica. Dove l'Autore dimostra di essere non solo un docente di religione, ma di avere al suo arco molte frecce, se si guarda alla misura con cui unisce alla vis polemica l'ironia del filosofo, del sociologo e del letterato. Di questa versatilità, del resto, il Di Franco aveva dato prove convincenti nelle sue opere edite da "IL LUNARIO", "L'AutoreLibri" di Firenze, "Scena Illustrata Editrice" di Roma, Ed. "Passaporto 2000" di Roma, etc.
A p. 21 il rigore con cui Arturo Capasso struttura la sua intervista al Prof. Abdelkader Djeflat, della Facoltà di Scienze economiche e sociali dell'Università di Lille, sul tema tanto urgente quanto complesso delle prospettive possibili di superamento dei dislivello del PSM (Paesi del Sud del Mediterraneo) incute soggezione, ma ottiene indubbiamente l'effetto di avviare una realistica sensibilizzazione ala problematica della 'mediterraneità'. Problematica che non può più essere affidata ai soli canali informativi di primo livello.
Il settore della "Narrativa" ospita il lungo racconto Frate Anselmo di Benito Mincio.
Frate Anselmo: un giovane monaco combattuto fra eros e spiritualità, la cui sofferta vicenda può fare arricciare il naso a chiunque non sia in grado di distinguere fra un trattato di teologia e un'opera d'arte letteraria; una figura travagliata che giunge, alla fine, a ritrovare il suo equilibrio interiore tornando a quella ipovalutazione sinderetica del corpo ("un sacco ripieno di visceri ... Una macchina fisiologica, fatta di . ; una macchina mossa da cieli biologici, la ragione della cui esistenza consiste nel mantenersi in vita e riprodursi") quale si addice a un asceta capace di ammirare l'ordine misterioso dell'universo e di scoprire ragioni di sensatezza e di compimento finale, ma che a un praticante di gretta osservanza può apparire come una forma di scantonarnento nell'iperspiritualismo.
Benito Mincio, dopo avere esordito a suo tempo sulla storica Rivista "Letteratura", ha continuato a pubblicare lavori di narrativa e poesia (anche in lingua francese), saggistica traduzioni e liberi rifacimenti dal greco, dal latino e dal francese, sempre su riviste romane come “Prospetti”, "Persona”, “Video”, “Carte segrete” e “Scena Illustrata”. Di quest'ultimo periodico è anche uno dei redattori.
Nell'angolo dedicato ai "Personaggi" il noto pubblicista Achille Della Ragione fa un ritratto vivace del "napoletanissimo" Luciano De Crescenzo, il celebre ingegnere dell'ISM che riscopre la sua passione per la filosofia e si dedica a una divulgazione seria e accattivante del pensiero greco, meritandosi la riconoscenza degli studenti di buona volontà che hanno potuto capire senza sforzi eccessivi le antinomie teoretiche e i momenti cruciali della problematica fondativa delle filosofie occidentali.
La cosa però non è così semplice. Perché, come ognuno sa sempre meglio di tutti gli altri, Luciano il napoletano si è scoperto e  si è fatto scoprire quale uomo di spettacolo, sempre ai confini fra la serietà e la piacevolezza, e quale autore di libri di successo: Zio cardellino, Autobiografia, La domenica del villaggio, ecc. 
Achille Della Ragione (nomina sunt omina!) si sprofonda nella ricerca delle ragioni infrarazionali e ultrarazionali del successo così schietto e poliedrico di Luciano De Crescenzo.
Ma alla fine l'ultima parola la lascia saggiamente al mistero della ricchezza inesauribile dell'anima napoletana.
Nella rubrica "Artisti contemporanei" Italo Carlo Sesti si sofferma sull'opera di Popovic con una nota sapiente, intitolata Dimitrije Popovic pittore complesso, facendo rilevare come a questo encomiabile artista "la critica ufficiale non ha ancora tributato l'attenzione e il plauso che merita".
L'arte di Dimitrije Popovic, dice Sesti, è "ricerca di un ordine, di una bellezza che nasce dal rapporto perfetto tra il bene e il male, tra le forme e l'equilibrio, tra il mito e il nuovo, tra una vita regolata secondo un principio armonioso da dubbi e scoraggiamenti che rivelano la vulnerabilità della vita "stessa".
Diversi altri scritti di minore respiro, ma non per questo meno interessanti, sono distribuiti, qua e là, fra questi di cui si è parlato.
Con tali inizi di secolo non rimane che augurare altri lunghi e fecondi anni di attività a questo illustre periodico di alta divulgazione.

Antonio Brancaforte


Home - La Redazione - Riviste 2003 - Altre Riviste - Abbonamenti - Tariffe Pubblicità - Dati diffusione    Su

Copyright © 2001 / 2002. by "Scena Illustrata"

On line copyright  November 2001