MENSILE DI OPINIONE - POLITICA DI COSTUME - ATTUALITA' - CULTURA -TURISMO - ARTE - MODA
fondata nel 1865.

Direttore responsabile
ITALO CARLO SESTI

Home
Ritorna
Art. pag. 7
Art. pag. 15
Art. pag. 51
Copertina 10/2001

 

rivista n. 10 Anno 137 ottobre 2001

Ingrandimento Copertina

CRISI DELLA POLITICA 
SENZA IDEE E QUALITÀ

L'Università della Calabria compie trent'anni

L'opinione sul mussulmano che ha tradito se stesso e l’intervento armato americano

In val pusteria il riscaldamento teletrasmesso

SOMMA RIO

Pag. 5     Crisi della politica senza idee e qualità di Italicus

Pag. 7     L'Università della Calabria compie trent'anni di Eugenio Orrico

Pag. 15   Osama Bin Laden voleva uccidere anche i reali di Giordania di Angelo Greco

Pag. 19   Convegno su Goethe racconto di Benito Mincio

Pag. 27   Edmondo De Amicis: l'opera e lo scrittore di Guido Di Pino

Pag. 29   Il maestro Giacomo Gottardi così amato i così dimenticato di Italo Carlo Sesti

Pag. 33   L’esempio di una azienda che può cambiare l'Italia di Lux

Pag. 39   Bruno Dal Cero e Mariella Giacomello il trionfo del metodo sull'umanesimo di Italo Carlo Sesti

RUBRICHE

Pag. 6 A CIASCUNO IL SUO: Perché ha ragione Ciampi di Carlo Vallauri

Pag. 41 CONVEGNI CONGRESSI NOTIZIE

Pag. 47 MODA

Pag. 51 I LIBRI 

CRISI DELLA POLITICA 
SENZA IDEE E QUALITÀ


Si.scrive e si parla della politica italiana dilaniata spesso da un convulso regolamento di conti o, in certi casi, da brusche contraddizioni o, ahimè contrassegnata, sovente, da un eccessivo nervosismo, che costituiscono, purtroppo, un deludente spettacolo di ammiccamento, a seconda della convenienza del momento, da parte di quella pletora di partiti e partitini, che costituiscono l'organizzazione collegiale di carattere rappresentativo dei due rami del nostro parlamento.
La crisi, è chiaro, è anzitutto del nostro sistema elettorale e poi un problema di caratura o, più semplicemente di consistenza politica e culturale di tante e tante "comparse" che la praticano.
Per fare politica, sia chiaro, non basta avere un bello aspetto e inserire nelle battaglie politiche un animismo medievale o peggio ancora demoniacale e fare soprattutto spettacolo. Occorre considerare la politica un apostolato civile e non una occasione per fare quattrini.
Occorre qualificare il linguaggio, rendere visibili gli elementi essenziali della democrazia; avere ideali ben precisi e idee chiare; attualizzare le pagine del Vangelo nel senso di uscire dall'egoismo personale, entrare nei bisogni degli altri e essere aperto al bene comune, cioè alla costruzione di una società concepita o attuata in una piena eguaglianza sul piano giuridico, sociale ed economico.
Per far questo basta guardarsi nello specchio del tempo per rivivere la passione e l'entusiasmo di un passato certamente migliore, trarne una lezione di stile e di vita.
Mentre il denaro asseconda ignoranza, vanità, velleità, in una simbiosi di trialismo, si tradiscono ideali e valori, un vuoto totale ci avvolge. Dove è finita la res publica dei latini? Ci viene spontaneo domandarci se ci sarà ancora modo di restituire la ragione e l'onestà ai politici?
Ce lo auguriamo per non arrenderci.

Italicus

 

Home - La Redazione - Riviste 2003 - Altre Riviste - Abbonamenti - Tariffe Pubblicità - Dati diffusione    Su

Copyright © 2001 / 2002. by "Scena Illustrata"

On line copyright  November 2001